Quattro venti e il profumo di un’estate magica

Pecorino_4Venti

Articolo di Andrea Anselmino

Il profumo dell’estate, il rumore delle onde che si infrangono sulla spiaggia, il mare cristallino, il profumo della salsedine che ti inebria l’animo e la bottiglia giusta per brindare a tanta bellezza.

Un’estate ricca di emozioni, che ha saputo regalarci gioie infinite e momenti che sanno di libertà , momenti che probabilmente porteremo per sempre nei nostri cuori e menti.

Così come questa bottiglia di Pecorino Abruzzo di Torri Cantine, un vitigno che da sempre mi appassiona ed incuriosisce per la sua estrema semplicità ma allo stesso tempo con caratteristiche uniche che lo rendono un vino dal grandissimo potenziale.

Le origini del Pecorino

Il Pecorino è un vitigno autoctono delle Marche a bacca bianca, da sempre coltivato tra i Monti Sibillini.

Con il passare degli anni si è diffuso verso sud, arrivando proprio in Abruzzo, dove ha trovato condizioni eccellenti, che gli hanno permesso di esprimersi al meglio, rispettando le sue caratteristiche e dando vita a vini dall’ottima qualità e dalla notevole struttura.

Il Pecorino è un vino roccioso, senza compromessi, è un vino dal carattere deciso e ben riconoscibile per la sua grande acidità e freschezza.

La leggenda vuole che l’origine del nome sia legata ai pastori, che lo sorseggiavano nei loro pranzi durante le transumanze dei greggi di pecore. Altre bizzarre teorie ipotizzano la somiglianza dei grappoli alla testa di una pecora, o immaginano le pecore particolarmente ghiotte delle sue dolci uve.

La rivalsa del Pecorino

Dopo anni di oblio dove il Pecorino stava per estinguersi o al massimo veniva utilizzato come vino da taglio, negli ultimi anni sta avendo una vera e propria rinascit.

Finalmente oggi sono sempre di più i vignaioli che scelgono di produrre vini 100% Pecorino, aumentando gli ettari dedicati alla produzione di questo vitigno, ottenendo vini dagli ottimi risultati, intensi e di spessore.

La registrazione al Catalogo Nazionale delle Varietà di vite avvenne nel 1970, con la successiva grande diffusione della pianta, non soltanto nelle Marche e Abruzzo, ma anche nel Lazio e in Puglia.

Torri 420 Pecorino Abruzzo DOC

Torri 420 Pecorino Abruzzo DOC Nasce in una delle zone più vocate d’Abruzzo, da un vecchio vigneto allevato a Tendone, a una quota ideale per garantire una formidabile escursione termica e con una magnifica esposizione.

Ottenuto da uve 100% Pecorino, con un’accurata selezione manuale dei migliori grappoli verso inizio settembre e da un’agricoltura biologica certificata, che assicura il massimo rispetto per l’ambiente circostante

Il terroir garantisce a queste uve escursioni termiche ottimali che unite alle tecniche di agricoltura biologica utilizzate conferiscono a questo vino estrema ricchezza di profumi floreali e grande acidità.

La vinificazione avviene in tini d’acciaio termo-condizionati a cui segue un affinamento di 3 mesi, nelle vasche di cemento, per poi procedere all’imbottigliamento in totale assenza di ossigeno.

Un vino dal colore giallo paglierino tenue, caratterizzato da una particolare luminosità, al naso un intensità impattante, incentrata su profumi di fiori di campo, frutta matura, una delicata speziatura, oltre a una prorompente e persistente nota erbacea. Al palato si presenta deciso, armonico, sapido e con un’incredibile freschezza che lo rendono un vino perfetto per le calde giornate estive.

E mentre mi trovo qui su questa spiaggia bianca a sorseggiare il mio calice di Pecorino, nella mia testa risuonano le parole di Gianna Nannini ed Edoardo Bennato, in una delle canzoni simbolo della nostra estate 2021 e che probabilmente descrivono perfettamente la mia visione di scoperta enologica e vita, un’avventura che va vissuta senza frontiere, con il cuore in gola e la curiosità di chi non vuole mai smettere di viaggiare ed imparare:

Voglio viverla così quest’avventura Senza frontiere e con il cuore in gola E il mondo in una giostra di colori
E il vento che accarezza le bandiere Arriva un brivido e ti trascina via E sciogli in un abbraccio la follia Notti magiche inseguendo un goal Sotto il cielo di un’estate italiana
E negli occhi tuoi voglia di vincere Un’estate, un’avventura in più
”.

Vai alla Scheda Vino.